Verbale Assemblea Oridnaria Club

VERBALE DELL’ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI


In data 29.04.2013 alle ore 20.30 presso la sede dell’Associazione (Angolo dello Sfizio), si è riunita l’assemblea dell’Associazione Napoli Club Trento Partenopea.

A seguito di elezione dei presenti è chiamato a presiedere la riunione il sig. Loreto Nicola e a fungere da segretario il sig. Ciro Bufalo

Il presidente invita dunque i presenti a discutere e deliberare il seguente ordine del giorno

1.      Nomina presidente

2.      Nomina direttivo

3.      Resoconto dell’anno del club

4.      Tesseramento stagione 2013-2014

5.      Festa 1° anno del club sabato 25 maggio

6.      Ritiro del Napoli a Dimaro

7.      Possibile nuova sede

 

1.      Nomina Presidente

L’attuale presidente, richiede ai presenti chi intende candidarsi quale presidente. Si candida esclusivamente l’attuale presidente, Nicola Loreto. All’unanimità dei presenti, viene rieletto quale presidente dell’associazione il sig. Nicola Loreto.

 

2.      Nomina direttivo

Il presidente, dopo aver sottolineato che fino ad ora si è principalmente occupato in prima persona della gestione del club, evidenzia la necessità di suddividere i compiti tra i membri del direttivo e rimanda tale aspetto a successiva riunione del Direttivo.

Il presidente informa i presenti che il sig. Matteo Alovisi, uno degli attuali membri del direttivo, non presente per motivi personali, ha comunicato le proprie dimissioni dalla qualifica di consigliere in quanto impegni personali non gli permettono di dedicarsi al massimo alla collaborazione all’interno del direttivo.

Gli ulteriori membri del direttivo confermano, invece, la loro presenza anche per l’anno a venire.

Il presidente propone, dunque, quali nuovi membri del direttivo i signori Alessandro Cotugno, Marco Scala e Alfonso Corsini, i quali accettano la loro candidatura. All’unanimità dei presenti vengono tutti e tre eletti quali nuovi membri del direttivo, in qualità di consiglieri.

Il sig. Alessandro Cotugno propone di aumentare la quota di tesseramento esclusivamente per i membri del direttivo. Alcuni dei presenti, segnalano che sarebbe opportuno che ogni membro decida in autonomia se vuole versare una quota più elevata. Il presidente propone pertanto che tutti i soci abbiano piena libertà di versare una quota più elevata, a titolo di liberalità per contribuire a tutte le spese che si rendono necessaria per il sostegno e la prosecuzione al meglio dell’associazione.

 

3.      Resoconto dell’anno del club

Il presidente distribuisce tra i soci copia dei conti del Club relativo alla stagione 2012-2013, dalla quale si evincono le entrate e le uscite sostenute nel corso del primo anno. A riguardo nessuno dei presenti rileva alcuna contestazione o richiesta di chiarimento.

 

4.      Tesseramento stagione 2013-2014

Il presidente ricorda ai presenti che in una precedente assemblea (Lunedì 19 Novembre 2012) era stata presa in considerazione la possibilità di aumentare la quota associativa per la nuova stagione, in vista della volontà di ricercare una sede ufficiale del club, il che comporterebbe spese nettamente superiori a quelle attuali. Vista l’attuale assenza della sede esclusiva, il presidente propone di effettuare esclusivamente le seguenti modifiche rispetto alle precedenti quote associative:

-    -Incremento della quota dei soci sostenitori da un minimo di Euro 20 ad un minimo di Euro 50

-   - Introduzione di una quota associativa anche per i soci baby, da fissare in una cifra simbolica par ad Euro 5

-   - Tutti i soci hanno piena libertà di versare una quota più elevata, a titolo di liberalità per contribuire a tutte le spese che si rendono necessaria per il sostegno e la prosecuzione al meglio dell’associazione.

Tutti i presenti approvano la proposta.

 

5.      Festa 1° anno del club sabato 25 maggio

Il presidente distribuisce tra i presenti il volantino della festa del primo compleanno del club, fissata per il giorno 25 maggio 2013. Durante la festa, nella quale verrà offerto un piccolo buffet, avrà inizio il tesseramento per la stagione 2013-2014. Il presidente propone dunque di organizzare durante la presente manifestazione, esclusivamente per i presenti alla stessa, l’estrazione di un premio. In particolare, all’arrivo verrà consegnato gratuitamente un numero e al termine della festa si effettuerà un’estrazione. Nessuno dei presenti si oppone alla presente proposta.

 

6.      Ritiro del Napoli a Dimaro

Il presidente riferisce che anche quest’anno il ritiro del Napoli avverrà in Trentino, molto probabilmente tra il 13 e il 26 luglio. Viene quindi proposto di contattare il sindaco di Dimaro per valutare la possibilità che venga offerta al Club la presenza ufficiale in qualche serata, previste in vari Teatri della Val di Sole, per omaggiare la società e pubblicizzare il club. Il dott. Mauro Dallapiccola dichiara la propria disponibilità nel richiedere agli organizzatori delle manifestazioni previste durante la permanenza del Napoli a Dimaro, la possibilità di dare disponibilità e visibilità al club nelle serate dedicate al ritiro del Napoli.

Il presidente segnala inoltre la necessità della presenza tutti i giorni di almeno un membro del direttivo al ritiro, per dare tutte le informazioni necessarie a chi possa essere interessato al tesseramento

 

7.      Possibile nuova sede

Il presidente riferisce che, come concordato in precedente assemblea (Lunedì 19 Novembre 2012)  il Direttivo ha cercato una possibile sede per il club, riscontrando tuttavia gli eccessivi prezzi richiesti a Trento per una sede adeguata (minimo 500 Euro al mese solo per l’affitto).

Dati gli eccessivi costi necessari per l’apertura di una sede esclusiva del club, il presidente propone un “autofinanziamento”: chiede ai presente la volontà di contribuire mensilmente per poter coprire o quasi la quota di locazione mensile, sottolineando quanto sia sufficiente anche solo grazie ad un numero ridotto di soci che apportano una somma mensile non necessariamente elevata, per dare stabilità economica al club, soprattutto nella fase iniziale di avvio della sede esclusiva. Francesco Bufalo segnala il rischio che i soci disposti a contribuire mensilmente possano successivamente ritenere di avere più poteri degli altri. Il presidente riferisce che chi deciderà di contribuire lo farà esclusivamente per la volontà e il bene del club, senza pretendere alcun ritorno personale. Il Presidente evidenzia che la sede renderebbe il club più unito. Ma per avere la sede è necessaria una base economica e l”autofinanziamento” potrebbe essere un buon aiuto.

Si segnala la necessità che la sede abbia anche posti auto nelle vicinanze.

 

8.      Varie ed eventuali

--

Comments